EspañolEspañol EnglishEnglish ItalianoItaliano
Twitter

Monthly Archives: febbraio 2018

Lo scorso settembre è iniziato il progetto LIFE ARIMEDA: riduzione delle emissioni di ammoniaca nell’agricoltura mediterranea attraverso innovative tecniche di fertirrigazione con la frazione liquida di liquami e digestato.

Il Centro per la Ricerca Tecnologica e dell’alimentazione di Aragona (CITA), un’agenzia del Dipartimento di Innovazione, Ricerca e Università è il coordinatore di questo progetto, in cui un certo numero di istituzioni e aziende spagnole e italiane che lavorano per ridurre le emissioni di ammoniaca a partecipare Agricoltura mediterranea attraverso innovative tecniche di fertirrigazione con la frazione liquida del liquame e digerito.

Questo progetto dimostrativo è nato con l’obiettivo di promuovere il riutilizzo delle sostanze nutritive in aree agricole mediterranee colture irrigue, la riduzione delle emissioni di ammoniaca e massimizzando il riciclo dei nutrienti.

In questo giorno di presentazione, i partner del progetto LIFE ARIMEDA, di Aragona e della regione italiana della Lombardia, presenteranno i principali obiettivi e le azioni da sviluppare nell’ambito di questo progetto europeo.

Ecco il programma del giorno (JornadaARIMEDA_programa.pdf) e le informazioni sul luogo in cui si svolgerà la giornata.


Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia Alimentare della ETSI Agronómica, Alimentaria y Biosistemas (Università Politecnica di Madrid) collabora attivamente con il progetto LIFE ARIMEDA fornendo supporto nella progettazione e pianificazione delle misurazioni dell’ammoniaca nei test di dimostrazione del progetto .

Il lavoro di scambio di conoscenze e collaborazione con questo dipartimento, membro della piattaforma collaborativa LIFE ARIMEDA, è iniziato il 7 febbraio con un workshop sulle emissioni che si è svolto presso le strutture UPM di Madrid e in cui progressi nella definizione dei protocolli e delle metodologie da applicare sul campo nelle campagne di monitoraggio e valutazione di quest’anno. L’UPM, l’Università di Milano e la CITA hanno partecipato al workshop.